San Pio da Pietrelcina

  

Padre Pio era un frate cappuccino che passo' 52 anni nel convento di San Giovanni Rotondo. Egli fu l'unico sacerdote cattolico a ricevere le stimmate.

Egli celebrava Messa dalle 5 alle 8, confessava uomini e donne dalle 8 alle 5, recitava il rosario diverse volte al giorno, costrui' un ospedale per i poveri, sogno' una chiesa grande abbastanza da contenere le folle di pellegrini.

Padre Pio non ando' mai in vacanza, non ebbe mai una promozione in carriera, non scrisse nessun libro, non pronuncio' discorsi eloquenti, mai vacillo' nella sua obbedienza alla Chiesa. Egli pensava solo ad amare Dio, salvare anime, alleviare le sofferenze.

Egli enumerava i peccati dimenticati, ando' in bilocazione in molti posti intorno al mondo accompagnato usualmente da un intenso profumo, consigliava su eventi che sarebbero accaduti in futuro.

Le sue ferite mai smisero di sanguinare, il suo corpo mai smise di soffrire, la sua mente mai smise di pensare a Dio, le sue labbra mai smisero di pregare, il suo cuore mai smise di amare.

"Il mio vivere è Cristo" 

Padre Pio nacque  in Pietrelcina, 12 chilometri da Benevento, in Campania, nel Sud d'Italia.

"Di Pietrelcina ricordo pietra su pietra. La custodiro' come la pupilla dei miei occhi"

 

"Salutatemi Pietrelcina. La tengo tutta chiusa nel mio cuore."

     

Padre pio's parents: Grazio Forgione and Maria Giuseppa Di Nunzio

   

Casa dove nacque Padre Pio il 25 maggio 1887

Interno dell'abitazione. Padre Pio era il quarto di sette figli.

"Tutto è avvenuto li'. Li' c'è stato Gesù "

 

La chiesa di sant'Anna, dove fu battezzato il 26 maggio 1887, il giorno dopo la nascita.

Dal direttore spirituale sappiamo che fin dall'età di 5 anni ebbe le prime estasi e desiderò di consacrarsi totalmente a Dio.

Il giovane Francesco fece gli studi ginnasiali privatamente, con i soldi che il padre inviava dall'America dove era emigrato come tanti suoi conterranei.  

 "Mio padre varco' due volte l'oceano per darmi la possibilita' di diventare frate" 

 

 

 

Il 6 Gennaio 1903, all'età di sedici anni decise di entrare nel noviziato cappuccino di Morcone(Benevento)., dove il successivo 22 Gennaio vesti' l'abito francescano assumendo il nome di fra Pio.

 

  

    Convento di Morcone e cella di fra Pio.

"Dove meglio potrei servirti, o Signore, se non nel Chiostro e sotto la bandiera del Poverello d'Assisi?'

 

 

 

 

Da Morcone si trasferisce a Sant'Elia a Pianisi (indicato dalla stella) per il ginnasio e il liceo, e a San Marco la Catola per lo studio della filosofia.

 

"Io mi voglio fare monaco con la barba" 

 

Il 27 gennaio del 1907 fra Pio emette la professione dei voti solenni e raggiunge Serracapriola per lo studio della teologia guidato da padre Agostino, suo direttore spirituale insieme al provinciale padre Benedetto, entrambi da San Marco in Lamis.
 

"Io fra Pio da Pietrelcina, chiedo e prometto a Dio onnipotente, e alla beata Maria vergine, e al beato Francesco, e a tutti i Santi, e a te o Padre, di osservare per tutto il tempo della mia vita la Regola dei Frati Minori, dal signor papa Onorio confermata, vivendo in obbedienza, poverta' e in castita' "

 

Serracapriola: citta', convento, refettorio.

 Padre Pio prosegue gli studi di filosofia a Montefusco e Gesualdo (due paesi indicati dalla stella).

                                                    

Convento di Montefusco                                                                     Convento di Gesualdo

   

Nel dicembre del 1908 a Benevento riceve gli ordini minori e il suddiaconato. Per tutto questo periodo è afflitto da una inspiegabile e dolorosa malattia che lo terrà quasi sempre lontano dalla comunità cappuccina. Padre Pio fu ordinato sacerdote nel duomo di Benevento il 10 agosto 1910.

 

"Sono divorato dall'amore di Dio e del prossimo"

Nell'ottobre 1911, dopo una visita medica dal dottor Antonio Cardarelli a Napoli, Padre Pio viene condotto a Venafro, perché, secondo la diagnosi del celebre medico, il giovane frate aveva i giorni contati, non poteva viaggiare a lungo ed il convento di Venafro era il più vicino. Durante il mese e mezzo passato in questo convento, la fraternità si accorse dei primi fenomeni soprannaturali: estasi divine della durata anche di un'ora e apparizioni diaboliche, di breve durata.

A febbraio del 1916 venne mandato nel convento di Sant'Anna a Foggia alla ricerca di un posto benefico per la sua salute. Ma anche a Foggia Padre Pio seguitò a star male: vomito, sudorazioni improvvise, capogiri, febbri altissime. La notte, poi, dalla sua cella provenivano terrificanti rumori che si concludevano con un boato tale da scuotere i muri e terrorizzare i confratelli. A Padre Benedetto disse poi che era il diavolo il quale, non potendo vincere, per la rabbia "schiattava". Per sfuggire all'afosa calura estiva di Foggia, Padre Pio a luglio del 1916 giunse per un breve soggiorno nel convento di San Giovanni Rotondo, piccolo paese sul versante meridionale del Gargano. Il clima si rivelò salutare ed egli vi resterà cinquantadue anni, fino alla morte.

   

"Io vivo per Gesù Cristo, vivo alla sua gloria, vivo a servirlo, vivo per amarlo

Gli 11 conventi dove Padre Pio soggiorno' nel corso della sua vita.

"Dio per me è sempre fisso nella mente e stampato nel cuore"

   Non c'era strada quando Padre Pio ando' a San Giovanni Rotondo. Col tempo le cose cambiarono enormemente.

 

"Non dubitate del divino aiuto" 

 La cella di Padre Pio al convento di san Giovanni Rotondo.

 

     

 

San Francesco di Assisi aveva le stimmate. Ma San Francesco non era un sacerdote; era un diacono. Le stigmate sono delle ferite sul corpo, sulle mani, sui piedi, e sul costato, e corrispondono a quelle inflitte a Gesù durante la crocifissione.

   

  " Signore, voglio espiare i peccati di tutti, come tu hai fatto sulla Croce"

Padre Pio è l'unico sacerdote che ha ricevuto le stimmate.

   

 Il Crocefisso da cui Padre Pio ricevette le stimmate, situato nel coro della vecchia chiesa. Padre Pio ricevette le stimmate il 20 settembre 1918, mentre pregava dopo aver celebrato la Messa, a 31 anni di eta'.

                        

"Improvvisamente sono stato avvolto da un mare di luce folgorante. In quella luce ho visto Gesù. Era bellissimo. Dalle sue piaghe uscirono raggi di luce bianchissima, che penetrarono le mie mani, i miei piedi, il mio costato. Erano come lame di fuoco che penetravano la mia carne perforando, tagliando, rompendo. Mi sentivo morire. Il dolore era immenso."

Padre Pio usava coprire le stimmate delle mani con mezzi guanti che lasciavano le dita scoperte.

   

"Ma tu credi che le stimmate siano semplici decorazioni?"  

Qualche volta i superiori gli ordinarono di scoprire le mani, così che le ferite potessero essere fotografate.

   

 

"Lasciami il dolore, ma toglimi questi segni che mi mettono in confusione."

Egli usava rimuovere i guanti prima di celebrare la Messa.

Le ferite potevano essere viste durante la Messa. 

        

      

                   

 27 marzo 1967

Padre Pio celebrava la messa nella chiesa del convento, piccola e affollata.

 

 

Una nuova chiesa fu consacrata il primo luglio 1959

    

 

Padre Pio passo' gran parte della sua giornata dalle 8 alle 5 nel confessionale. La gente veniva da ogni parte del mondo. Egli confessava nella vecchia chiesa, anche dopo che la nuova chiesa fu costruita.  La confessione delle donne si teneva in un confessionale.  Gli uomini si confessavano nella vecchia sacrestia.

   

"Signore, non colpire i miei poveri fratelli, colpisci me" 

   

 

"Recitate frequentemente il rosario. Costa così poco e vale così tanto!"  

Padre Pio teneva sempre una corona nelle sue mani, e recitava il rosario molte volte al giorno

        

        

"Io sono soltanto un povero frate peccatore che prega"  

"Non sai che il bene è il frutto di molte lacrime e di molta sofferenza?

.

"Mio pane quotidiano e mia delizia è la sofferenza"

16 aprile 1965

Padre Pio ebbe molti figli spirituali. Egli riceveva tutti i loro messaggi, datigli per iscritto o in tanti altri modi, e trovava il modo di rispondere a tutti.

    

"La preghiera è l'effusione del nostro cuore in quello di Dio"   

     

""Quando il Signore mi chiamera', io gli diro' "Signore, io resto alla porta del Paradiso: ci entro quando ho visto entrare l'ultimo dei miei figli"

 

 

"Il buon Dio mi ha affidato una missione terrena: la fondazione di una clinica per i poveri infermi d'anima e di corpo.La clinica sorgera' bella e grande." 

Per servire i poveri Padre Pio raccolse i fondi e costrui' un ospedale gratuito che chiamo "Casa Sollievo della sofferenza" Mary Pyle,una cittadine americana, fu di speciale aiuto per lui.

 

 Padre Pio taglia il nastro inaugurale il 5 maggio 1956

 

"Qui' sorgera il più grande centro per la cura dei mali dell'uomo"

   

"Quando è fatta  bene, la preghiera commuove il cuore divino e lo invita sempre più ad esaudirci"

 

I gruppi di preghiera di Padre Pio

I gruppi di Preghiera istituiti da Padre Pio negli anni 40, sono disseminati in tutto il mondo. Essi furono menzionati per le prima volta nel giugno 1950 sul Bollettino della Casa Sollievo della Sofferenza (vedi sotto un'edizione scelta a caso). Sono gruppi spontanei uniti dall'affetto a Padre Pio, che in sintonia con la Chiesa, si propongono di seguire i principi generali della spiritualita' francescana di Padre Pio. Essi sono guidati dall 'Opera di Padre Pio'

Altri momenti nella vita di Padre Pio

     

"Mio cibo è fare la volonta' del Signore"   

   

"Aiutatemi a portare la Croce, io che la porto per tutti"

            

 

 

  

"Prendete di mira ed emendatevi di quel difetto che più vi impedisce di unirvi a Dio"

"Alla fine, la scommessa della nostra vita sta tutta in questo Bambino. Con Lui tutto ha una risposta, anche alle domande più difficili. Senza di Lui, solo un grande vuoto".
 

      Queste sono varie espressioni del volto di Padre Pio.

       

         

 

 

 

  

  

   

         

"O morire o amare Dio"

2 settembre 1965

   

3 Novembre 1965

 

"è più facile che la terra si regga senza il sole che senza la Messa"

La parte più importante della giornata di Padre Pio era la Messa, che durava da 90 minuti a 3 ore e più

      

 

Durante la messa si percepiva che lui avesse una linea diretta col soprannaturale.

      

 

 

  

 

Ultima Messa di Padre Pio il 22 settembre 1968

Padre Pio morì il 23 settembre 1968

 La tomba di Padre Pio

   

Il Papa Giovanni Paolo II visito' la sua tomba il 27 maggio 1987. 

Padre Pio fu proclamato Beato il 2 Maggio 1999. Egli fu dichiarato santo il 16 Giungo 2002. Le cerimonie furono presiedute dal papa Giovanni Paolo II in Piazza San Pietro. Erano presenti centinaia di migliaia di pellegrini.  

La chiesa di Padre Pio in San Giovanni Rotondo il giorno della cerimonia:

 

 Foto di Piazza San Pietro:

  

         

 

Nel 2004 fu inaugurata la nuova chiesa vicino al convento di Padre Pio in San Giovanni Rotondo, progettata dall'architetto Renzo Piano  

        

     

 

 

"Rendete sempre grazie a Dio dei favori ricevuti, e questa sarà la migliore disposizione per ricevere nuovi favori"  

 Rosario tenuto in mano e benedetto da Padre Pio.

Crocifisso che Padre Pio benedisse, bacio', e tenne nelle sue mani diverse volte.

Immaginetta con parole scritte da Padre Pio il 19 Ottobre 1957

" Maria non ritiri mai da te il suo sguardo materno. p. Pio"

Immaginetta con parole scritte da padre Pio il 18 Novembre 1957

"Maria ti guardi sempre con occhio materno  p. Pio"

 

 

Immaginetta con parole scritte da padre Pio il 18 Ottobre 1957

"Gesù ti sia scolpito sempre nella tua mente. p. Pio Cappuccino"

Una delle prime immaginette emesse dopo la morte di Padre Pio per ottenere la sua glorificazione.

Pannolino usato da Padre Pio sulla ferita del costato, il 7 Febbraio 1957

Icona originale in stile bizantino, 81 x  61 centimetri, dell'artista Beverly Layton di Lawton nel 2005

"Mentre facciamo una cosa, facciamola come se questa dovesse essere l'ultima."