Capitolo 30: Doni dello Spirito Santo a Padre Pio

 

Introduzione
 
Domanda dell'inquisitore Mons. Raffaello Rossi a Padre Pio il 16 giugno 1921, alle ore 16,30:
"Che cosa senta e pensi delle vie dello spirito, delle vie mistiche." Risposta di Padre Pio: "Che nessuno ci può entrare se il Signore stesso in modo non ordinario della sua grazia non conduce per quella strada." (Francesco Castelli, Padre Pio sotto inchiesta, l'"Autobiografia" segreta, Edizioni Ares, Milano, 2008, pag. 230)
 
Padre Pio non ricevette il dono della sacra eloquenza.
L'inquisitore Mons. Raffaello Rossi chiede a Padre Pio il 15 giugno 1921, alle ore 17: "Quando fu abilitato al ministero delle confessioni e  predicazione." Risposta di Padre Pio: "Predicare non ho mai predicato..." (Francesco Castelli, Padre Pio sotto inchiesta, l'"Autobiografia" segreta, Edizioni Ares, Milano, 2008, pag. 219)

A Raffaelina Cerase: "Non tutti siamo chiamati da Dio a salvare anime ed a propagare la sua gloria mediante l'alto apostolato della predicazione." (Epist. II, 70)

Fu ritenuto per diversi anni incapace di confessare.
Continua la risposta a Mons. Rossi: "...Alle confessioni per qualche caso occorrente in patria fui abilitato sin dall'ordinazione sacerdotale (1911); qui ebbi dall'Ordinario la facoltà circa tre anni fa: a Foggia non confessavo perché per motivi di salute nemmeno avevo domandato la facoltà." (Francesco Castelli, Padre Pio sotto inchiesta, l'"Autobiografia" segreta, Edizioni Ares, Milano, 2008, pag. 219)
 
Ma ricevette tutti gli altri doni in grande abbondanza.

"... Prego al Signore a farmi grazia ch'io sappia dire qualcosa delle grandi meraviglie, che la sua misericordia disvela nell'anima mia. ...L'anima mia sempre più va ricevendo favori da Dio... Di giorno in giorno a lei si scoprono sempre più le grandezze di Dio, ed a tale luce, sempre più viva, arde dal desiderio di a lui unirsi... Vede in questa luce quanto questo adorabile Signore merita d'essere amato. ... Di tratto in tratto il Signore mi dà certi giubili che non so nemmeno io intendere che siano. Il gaudio che provo è sì eccessivo che vorrei farne partecipi anche gli altri..."
(Lettera a Padre Benedetto del giugno 1913, Epist. I, pag. 366)
 

Dalla biografia di Padre Pio sul sito del Vaticano: "I tesori di grazia che Dio gli aveva concesso con singolare larghezza senza sosta egli dispensò con il suo ministero, servendo gli uomini e le donne che a lui accorrevano sempre più numerosi e generando una immensa moltitudine di figli e figlie spirituali." (Vaticano)  http://www.vatican.va/news_services/liturgy/saints/ns_lit_doc_20020616_padre-pio_it.html

"In verità, in verità vi dico: chi crede in me farà anch'egli le opere che io faccio; anzi ne farà di più grandi di queste." (Giovanni 14:12)

Queste parole possono essere applicate a Padre Pio, dato che è impossibile calcolare la somma totale di tutte le meraviglie che accaddero durante la sua vita, e anche dopo la sua morte fino a oggi. Tanti santi ricevettero molti doni, ma sembra che nessuno ne ricevette in così grande quantità.   ("Padre Pio The Wonder Man", New Bradford, Massachusetts, quinta edizione 2009, pag.27)
 
Padre Pio: "Io riconosco benissimo di non aver in me niente che sia stato capace di attirare gli sguardi di questo nostro dolcissimo Gesù." (Epist, I, 307)
 
I doni dello Sprito Santo elencati in Isaia e in San Paolo:

Isaia 11:1-3               San Paolo  1 Cor. 12, 4-12;                 San Paolo 1 Cor. 13,13

 

Isaia: 7 doni: sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà, timor di Dio.

San Paolo:  9 carismi: sapienza, scienza, fede, guarigioni, miracoli, profezia, discernimento spiriti, parlare lingue, interpretare lingue.

San Paolo: 3 virtù teologali: Fede, Speranza, Carità.


Isaia 11:1-3:  Un germoglio spunterà dal tronco di Iesse, un virgulto germoglierà dalle sue radici. Su di lui si poserà lo spirito del Signore, spirito di sapienza e di intelligenza, spirito di consiglio e di fortezza, spirito di conoscenza e di pietà, e di timore del Signore.

 

San Paolo 1 Corinzi 12,7-11:

“E a ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito per l’utilità comune:

 a uno viene concesso dallo Spirito il linguaggio della sapienza;

a un altro, invece, per mezzo dello stesso Spirito, il linguaggio della scienza;

 a uno la fede per mezzo dello stesso Spirito;

 a un altro il dono di far guarigioni per mezzo dell’unico Spirito; a uno il potere dei miracoli;

 a un altro il dono della profezia; a un altro il dono di distinguere gli spiriti;

 a un altro le varietà delle lingue; a un altro infine l’interpretazione delle lingue."

 

“Aspirate ai carismi più grandi! E io vi mostrerò la via migliore di tutte.” (1 Cor 12,31)

 

San Paolo 1 Corinzi, 13:13 :

« Queste dunque le tre cose che rimangono: la fede, la speranza e la carità; ma di tutte più grande è la carità! »

 

Il numero dei doni che può dare lo Spirito Santo, in realtà non è tre o sette o nove, ma è potenzialmente innumerevole, perchè i doni sono regalati da Dio, che è infinito. Ecco perchè l'elenco dei doni ricevuti da padre Pio è straripante, strabocchevole, e gigantesco.

 

Sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà, timor di Dio.  Sapienza, scienza, fede, guarigioni, miracoli, profezia, discernimento spiriti, parlare lingue, interpretare lingue. Fede, speranza, carità.

 

 

 A Padre Benedetto, 20 giugno 1913: "Le manifestazioni che il Signore suole fare all'anima mia parmi che vadano distinte così:

 

 puramente soprannaturali, riguardanti esseri privi di forme, ed in manifestazioni di esseri sotto forme umane. Le prime riguardano Dio, le sue perfezioni, i suoi attributi. Di queste non riesco in nessun modo a trarle in scritto.... In queste manifestazioni e locuzioni divine l'anima vede quei celesti secreti, quelle divine perfezioni, quegli attributi divini assai più di quello che noi vediamo la nostra immagine nello specchio.... Noi non possiamo separare quell'immagine dallo specchio e molto meno noi possiamo toccarla col tatto. Eppure l'immagine esiste fuori di noi sebbene non senza di noi.... (Epist. I, 373-4)


In quanto all'altra specie di manifestazioni esse riguardano nostro Signore sotto figure umane; nell'ultima cena, grondante sangue nell'orto, legato alla colonna, glorioso e risplendente nella sua risurrezione ed in altri modi ancora. Riguardano ancora la Regina degli Angioli ed altri
personaggi celesti rivestiti di forme umane." (Epist. I, 375)


"Questo linguaggio vi sembrerà arabo, ma se il Signore ve ne ha fatto fare qualche esperienza in questa materia, conoscerete che dico il vero."(Epist. I, 375)
 

Padre Pio ad Annita Rodote: "Diletta figlia di Gesù, ...date piena libertà alle libere operazioni dello Spirito Santo." (Epist. III, 79)
Padre Pio a Maria Gargani: "Lo Spirito Santo richiede, per più liberamente operare in noi, la tranquillità e la calma." (Epist. iii, 252)
Padre Pio a Rachelina Russo: "Gesù continui a riguardarti per sua prediletta figliuola e ti ricolmi di tutti i suoi celesti carismi." (Epist. III, 521)
A Girolama Longo: "Lascia fare quello che brama di fare lo Spirito Santo in te. Egli è discreto, sapiente e soave." (Epist. III, 1023) Simile a Raffaelina Cerase (Epist. II, 64)
A Raffaelina Cerase: "Lo Spirito Santo vi riempia dei suoi santissimi doni." (Epist. II, 100)
A Raffaelina Cerase: "Allargate il vostro cuore ai carismi dello Spirito Santo, che aspetta un vostro cenno per arricchirvene." (Epist. II, 259)
"Doni assai grandi il Signore ha fatto all'anima mia." Lettera a Padre Benedetto del 26 marzo 1914. (Epist. I, 461)
 
Testimonianza di Don Pierino Galeone:
"Padre Pio aveva il dono di sanare gli inguaribili e di convertire i peccatori, di prorogare il tempo della morte e di conoscerne esattamente il giorno, di sapere il luogo dove si trovavano le anime dei defunti, e, addirittura, di accompagnarle egli stesso in paradiso.
Lottava con satana e cacciava i demoni, scrutava i cuori, scuoteva gli animi e illuminava le menti...
A molti prediceva il futuro... Stava a fianco dei moribondi, e al capezzale di innumerevoli ammalati: negli ospedali, nelle case private, nei campi di concentramento e nei luoghi più impensabili. Padre Pio era un'istituzione di "pronto intervento".
Guidava al posto di un autista addormentato... e liberava da grossi imbarazzi l'automobilista distratto e imprudente. Incidenti decisamente mortali, con l'intervento del Padre, si risolvevano in scontri arcanamente pilotati e senza conseguenze....
Col profumo lasciava avvertire la sua preziosa presenza anche ai missionari di ogni continente della terra, che dicevano: "Fa tutto lui. Egli ci protegge, ci conforta, ci apre le strade, ci libera dai pericoli e benedice il nostro lavoro. Senza di lui, oramai, non sapremmo vivere più." (Pierino Galeone, Padre Pio mio padre, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo, 2005, pag. 82-3)
 

 

 

 

 

 

 

I Doni delle Spirito a Padre Pio

Doni di sangue
     
Stimmate Invisibili. 7 settembre 1910 Piana Romana, Pietrelcina (Epistolario I, 240)
Vittima Richiesta di Gesù il 12 marzo 1913 Pietrelcina (Ep. I, 343)
Flagellazione.  Rivelata il 30 settembre 1915. Convento San Giovanni Rotondo (Ep. I, 669)
Coronazione di spine.  Rivelata il 30 settembre 1915. Convento San Giovanni Rotondo (Ep. I, 669)
Piaga spalla destra. Rivelata a Karol Wojtila 1947 Fra Modestino 4 febbraio 1971 (Modestino, 83-5)
Trasverberazione del costato. 5-7 agosto 1918 Cella n° 5 San Giovanni Rotondo (Ep. I, 1065)
Lacrime di sangue. Fra Modestino 1969 Padre Onorato (Modestino, 77-8)
Sudore di sangue. Fra Modestino 1969 Padre Onorato (Modestino, 77-8)
Stimmate visibili. 20 settembre 1918 Coro chiesa S. M.Grazie (Ep. I, 1093-5)
Trasverberazione del cuore. Rivelata da P. Pio il 20 dicembre 1918 Convento San Giovanni Rotondo (Ep. I, 1106)
Trasporti d'amore Rivelati da P. Pio il 23 agosto 1912 Pietrelcina (Ep. I, 300)

Doni mistici
     
Fusione dei cuori 16 aprile 1912 Chiesa S. Maria degli Angeli, Pietrelcina (Ep. I, 273)
Tocco sostanziale 1° novembre 1913 Casa del fratello Michele a Pietrelcina (Ep. I, 420)
Locuzione 29 dicembre 1912 Casa del fratello Michele a Pietrelcina (Epist. I, 328)
Rivelazione 15 marzo 1913 Casa del fratello Michele a Pietrelcina (Epist. I, 344-5)
Bacio divino 10 ottobre 1915 Casa del fratello Michele a Pietrelcina (Ep. I, 668-9)
Notte oscura 4 maggio 1914 Lettera a Padre Benedetto (Ep. I, 119-20)
Unione mistica 12 gennaio 1919 Lettera a Padre Benedetto (Ep. I, 1113)
Contemplazione 28 luglio 1914 Lettera a Raffaelina Cerase (Ep. II, 143)
Estasi Il diretto contatto con Dio. Dai 5 anni in poi. Lo stato più alto della mistica. (Agostino, Diario)
Apparizioni Rivelata a Mons. Rossi: "Dal 1911-12 circa" Dopo l'ordinazione sacerdotale Pietrelcina
Visioni "Non molto dopo del noviziato"(Riv.10-10-1915  Può essere da sveglio o in sogno. Ep. I, 669)
Rapimenti Rivelato 26 marzo 1914. San Paolo "Terzo Cielo" (Epist. I, 462)
Trasfigurazione Aspetto luminoso e abbagliante In momenti speciali (Capuano, 275)

7 Doni dello Spirito Santo
Libro del profeta Isaia 11:1-3    
Sapienza Padre Pio il 29 marzo 1911 Lettera a Padre Benedetto Epist. I, 217
Intelletto Padre Pio 9 luglio 1918 Lettera a Margherita Tresca Epist. III, 194
Consiglio Padre Pio il 14 febbraio 1915 Lettera a Padre Paolino Epist. IV, 165
Fortezza Padre Pio il 1° novembre 1913 Lettera a Padre Benedetto Epist. I, 421
Scienza Padre Pio il 1° novembre 1913 Lettera a Padre Benedetto Epist. I, 422-3
Pietà Padre Pio il 1° novembre 1913 Lettera a Padre Benedetto Epist. I, 420
Timor di Dio Padre Pio il 19 giugno 1918 Lettera a Padre Benedetto Epist. I, 1038

3 virtù teologali
Doni di Dio 1 Corinzi 13:13 San Paolo
Fede Cronistoria del convento San Giovanni Rotondo Foglio 378
Speranza Padre Pio 6 settembre 1918 Convento Epist. I, 1076
Carità Lettera a P. Benedetto il 26 marzo 1914 Lettera scritta da Padre Pio Epist. I, 462-3

9 Carismi
di cui sapienza, scienza, e fede già presentati San Paolo 1 Corinzi 12,7-11 San Paolo
Guarigioni Ammesso il 16 giugno 1921 a Mons. Rossi San Giovanni Rotondo Castelli, 226
Miracoli Consiglia De Martino e Matteo Pio Colella Beatificazione e Canonizzazione 1999 e 2002
Profezia Tutto il ministero sacerdotale Testimonianze giurate Positio
    ancora profezia:   Precognizione, premonizione, proroga    
Discernimento Rivelato a P. Agostino il 13 dicembre 1912 Lettera scritta da Padre Pio Epist. I, 321
Parlare lingue Rivelata a P. Agostino il 1° maggio 1922 Lettera scritta da Padre Pio Epist. I, 277
Interpretare lingue Arciprete Pannullo 7 settembre 1912 Testimonianza giurata Epist. 1, 302

Doni speciali
     
Familiarità con gli angeli Sin dall'infanzia "Compagno della mia infanzia" Diario P. Agostino
Lotta con i diavoli Sin dall'infanzia "Quando mia mamma spegneva il lume" Diario P. Agostino
Visita inferno Rivelata nel 1921 da Padre Benedetto Note al Sant'Ufficio Positio
Visita Purgatorio Rivelate dal prof. Gerardo De Caro  1943 Testimonianza Memorie 1943
Visita Paradiso Rivelato 14 ottobre 1912 Da Padre Pio stesso (Epist. I, 308)
Levitazione. Rivelata 17 giugno 1921 all'Inquisitore Contro la legge di gravità (Rossi, Cast., 220)
Spiccare il volo Rivelata da Padre Pio 14 dicembre 1953 per raggiungere persona lontana Cronistoria
Bilocazione. Rivelata da fra Pio nel 1905 Corpo e anima sdoppiati o moltiplicati (Ep. 3, 525-6)
Profumo. Dalla persona e oggetti di Padre Pio Con lui presente o a distanza (Rossi, Cast. 124-6)
Digiuno. Astenersi al di là dell'umanamente  possibile Giorno dopo giorno, tutti i giorni Confratelli
Veglia. Astenersi al di là dell'umanamente  possibile Giorno dopo giorno, tutti i giorni Confratelli
Febbre Documentata a 52° nel gennaio 1917 P. Pio: "Male morale più che fisico" (Rossi, Cast. 176)
Lacrime. Documentate sin dal noviziato nel 1903 "Pavimento del coro inzuppato" Capuano 279-80)
Scrutazione del cuore Riportata da quelli che li avvicinavano Molte testimonianze giurate Positio e biografie
Lettura del pensiero Riportata da quelli che li avvicinavano Molte testimonianze giurate Positio e biografie
Precognizione Riportata da quelli che li avvicinavano Molte testimonianze giurate Positio e biografie
Predizione Riportata da quelli che li avvicinavano Molte testimonianze giurate Positio e biografie
Sostituzione Guarigione di Pio XII, come esempio Cronaca dell'epoca Positio
Dopo la morte di Padre Pio Deposizioni con documentazione clinica Attestati di pazienti e medici Media

 

 

Torna all'Indice                      Capitolo 31